TO LOVE WE NEED TO
SWING BETWEEN
REALITY AND FANTASY
a project by Matilde De Feo

SYNOPSIS

Letter from an imaginary man è progetto multimediale sull’amore, sulle lettere d’amore. Documenta un’operazione di raccolta e ricerca, partita nel 2012, di soggetti volontari disposti a leggere la propria lettera e raccontare in video la propria storia.

Un’indagine sui sentimenti di profonda intimità, che partendo dalla lettura della scrittura privata precede il momento dell’intervista.

Ogni soggetto è stato incontrato singolarmente, in uno scenario unico, tutti gli incontri possiedono una forte connotazione concettuale e videoperformativa.

Ma c’è “un voile de mystère”, l’illusione necessaria di cui parla Nietzsche a proposito dell’amore e dell’arte, dell’illusione come bisogno.

E’ tutto un gioco: mescolare la finzione con la realtà, la letteratura con la vita, sottolineando la natura illusoria dell’amore, l’impossibilità di amare senza immaginare.

Letter from an imaginary man is a project about love, about love letters. It supports a collection and research operation, which started in 2012, of volunteers willing to read their letter and tell their story on video.

A survey about deep intimacy feelings, which, starting from the reading of the private written work, foreruns the interview.

Each subject was met individually, in a unique setting; all meetings have a strong conceptual and video performative implication.

But there is a “voile de mystère”, the necessary illusion mentioned by Nietzsche about love and art, about illusion as a need.

It ‘s all a game: mix fiction with reality, literature with life, emphasizing the illusory nature of love, the inability to love without imagining.

Vuoi continuare a sostenerci ?

A breve arriveranno i nostri imperdibili gadgets ! Per ora puoi scaricare i nostri fantastici wallpaper ! Continua a seguirci!

FILM SCREENING

Milano FilmMaker Festival – Spazio Oberdan 28/11/2015

Napoli AstraDoc – Cinema Astra 08/01/2016

Caserta – Cinema San Marco 17/02/2016

Roma – ilKino 19/03/2016

Napoli – Multicinema Modernissimo 25/03/2016

Faito doc Festival – 03/08/2016

Molise Cinema – 04/08/2016

Lucania Film Festival – 12/08/2016

PEOPLE

Quotes

  • “Cara strega cattiva, pensa un po’ sono passati circa settanta giorni, da quando, prima di salire sul treno mi desti l’ultimo bacio, come abbiamo fatto a resistere lontano l’un l’altro per così lungo tempo e ancora per questi lunghi settanta giorni”

    Giacobbe e Maria
    Giacobbe e Maria
  • “E' che quando le nostre mani si incrociano il mio cuore sanguina e io provo molto dolore ma l'aria che tira profuma della tua schiena e come dice Morrisey, Then she left pain.”

    Fabiana
    Fabiana
  • “L’abbraccio che mi desti, perfetto quanto doloroso, segnò la resa incondizionata delle mie ossa incredule. Avevi molto sonno. E ti addormentasti sulla mia gola, trasformata per l’occasione in una grande collina verde, sulla quale correvi e rimpicciolivi.”

    Alessandro
    Alessandro
  • “Ma, lo stesso, ti ho ascoltato mentre mi raccontavi tutto il tuo orrore, mentre pensavo alla frase LE ORECCHIE NON HANNO LE PALPEBRE”

    Benedetta
    Benedetta
  • “Perche scrivere una lettera d’amore non è solo comunicare ad una ragazza, è anche una comunicazione verso la natura, c’era il Petrarca che parlava degli alberi. Io per esempio amo il mare, il grido dei suoi gabbiani.”

    Mandarino
    Mandarino

PROJECT

Il soggetto del lavoro nasce nel 2012, alla casa del cinema di Roma, all’interno del workshop sul documentario partecipato “OIDA” diretto da Antonietta De Lillo e prodotto da Marechiarofilm.

Il tema del workshop era l’amore, e nasce, in questa occasione l’idea di lavorare sulle lettere e di raccogliere soggetti disposti a condividere le proprie personali.

Fortemente motivata da un’intuizione, legata ad un episodio personale, accaduto alla mia vita pochi anni prima, e che da il titolo al lavoro, ho fatto girare un comunicato sul web sull’operazione di ricerca dei soggetti, per circa venti giorni, e ho ricevuto, inaspettatamente quasi cento adesioni.

Assolutamente sorpresa, ho comprato una Canon 5D e in un anno ho selezionato e scelto di incontrare i soggetti migliori.

Ogni soggetto è stato incontrato singolarmente, in uno scenario unico pensato per la lettera o la storia raccontata.

In uno anno ho raccolto circa venti ore di girato, che rispondono esattamente alle note di regia scritte nel 2012

The subject of this work was created in 2012, at the house of cinema in Rome, inside the “OIDA” participated documentary directed by Antonietta De Lillo and produced by Marechiarofilm.

Love was the theme of the workshop. Therefore, the idea of working on the letters and collect people willing to share their personal letters, was born on this occation.

Strongly motivated by intuition, linked to a personal event happened to my life a few years earlier, and that gives the title to the work, I did make a statement on the web about the operation for researching subjects for about twenty days, and I got, unexpectedly, nearly one hundred accessions.

Absolutely surprised, I bought a Canon 5D and in one year I selected and chose to meet the best subjects. Each subject was met individually, in a unique scenery, thought for the letter or the story told.

In one year I have collected about twenty hours of footage, which meet exactly the director’s notes written in 2012, and which will be organized in a complex assembly process, which will lead to the creation of two products: a documentary for cinema, and a video installation, chaotic and visual, according to the cross-medial nature of the project.

HAND MADE

HAND MADE

Una produzione indipendente, un lavoro fatto con la cura e l’attenzione che un bravo artigiano mette nelle sue creazioni.

An indipendent production, a work made with care and attention that a skilled artisan puts in his creations.

    BIOGRAPHICAL PROJECT

    BIOGRAPHICAL PROJECT

    Un episodio personale che oscilla tra il sogno e la realtà, una storia individuale che diventa una storia collettiva

    A personal event that swings between dream and reality, an individual story that becomes a collective tale

      NOT ONLY A MOVIE

      NOT ONLY A MOVIE

      “Letters from an imaginary man” non è solo un docu-film, è parte di un progetto transmediale che attraversa tutte le arti visive

      “Letters from an imaginary man” not just a documentary film, is part of a transmedia project that runs through all the visual arts

        CREDITS

        Director : Matilde De Feo

        Assistant : Giuseppe Beneduce / Maria Rosaria Di Clemente / Renato Esposito

        Photography : Matilde De Feo

        Producer : Mald'e e Giuseppe Beneduce

        Subtitles and Translation : Francesco Izzo

        Communication : No Code Service

        Collaboration : Marechiaro Film

        Editing : Alessandra Carchedi

        Sound Engineering : Marco Messina

        Color Grading : Simona Infante

        Assistant Scenographer : Renato Esposito

        Original Music : David Rossato

        PRESS

        Contact Us

        Thanks to have backed us!

        Not readable? Change text. captcha txt

        Start typing and press Enter to search